Città e rioni

I cinque rioni di Perugia prendono il nome dalle cinque porte principali della città

All’inizio le cinque partizioni della città ebbero come simboli cinque animali: l’aquila Porta Sole, il leone Porta San Pietro, il cervo Porta Eburnea, l’orso Porta Santa Susanna e il cavallo Porta Sant’Angelo. Il ricorso ad animali archetipici conferma l’antichità della tradizione, anche se poi, nel tempo, la sovrapposizione di altri simboli ha portato alle attuali caratterizzazioni: gli sfondi sono di cinque colori fondamentali, in conformità con le regole universali dell’araldica. Nel Medio Evo, con alterne vicende, i territori rionali, che comprendevano oltre alla città cintata anche un vasto contado, si sono ridotti dentro il confine comunale. I regolamenti di Perugia 1416 si rifanno, per l’occasione, all’antico territorio rionale basandosi su fonti e testimonianze storiche.