Le donne dei Baglioni tra arte e potere: Ilaria, Alessandra e Atalanta

Venerdì 22 Marzo 2019, ore 21.00
Associazione Porta S. Susanna, Via Tornetta, 7

Ciclo di conferenze: Volti di Perugia e dell’Umbria. Storie di uomini e di donne tra passato e presente. A cura della Associazione ricreativa e culturale “Porta Santa Susanna”. Incontro con Cristina Galassi

La politica culturale a Perugia tra la seconda metà del Quattrocento e i primi decenni del Cinquecento è largamente debitrice nei confronti della famiglia Baglioni. Le maggiori imprese artistiche nascono sotto l’insegna di questa nobile dinastia. E’ soprattutto la discendenza femminile di Braccio di Malatesta a muovere alcuni fra i più importanti maestri del momento: da Piero della Francesca a Raffaello. All’interessamento di Ilaria, figlia di Braccio, si deve probabilmente il capolavoro maturo di Piero della Francesca, la pala del monastero di Sant’Antonio da Padova, del 1468 circa. E dalla stessa Ilaria dipende, con buona verosimiglianza, l’importante commissione della Pala Colonna di Raffaello, ora nel Metropolitan Museum di New York, del 1502-03. Alessandra, sorella di Ilaria, moglie di Simone di Guido degli Oddi, ottiene dal maestro urbinate la famosa Incoronazione della Vergine oggi nella Pinacoteca Vaticana. Atalanta, moglie di Grifone, figlio di Braccio e madre di Grifonetto commissiona sempre a Raffaello, per commemorare il tragico lutto che la colpisce nel 1500, quel superbo capolavoro che è il Trasporto di Cristo ora nella Galleria Borghese di Roma.Ingresso libero
Info: tel. 075 5724339 – 328 8656218
email:portasusanna@libero.it