Il Magnifico Rione Porta Santa Susanna incontra il regista Rodolfo Mantovani

Comunicato stampa
PERUGIA 1416/ IL RIONE PORTA SANTA SUSANNA HA INCONTRATO IL REGISTA MANTOVANI: “CREARE UNA FESTA POPOLARE TUTTI INSIEME PER PERUGIA”

Il nuovo regista, Rodolfo Mantovani, dell’evento Perugia 1416 ha chiuso ieri il ciclo di riunioni con i Rioni, incontrando il vincitore della prima edizione 2016, ossia Porta Santa Susanna.
Nei locali di via Tornetta, concessi temporaneamente dalla parrocchia di Sant’Andrea con la quale il Rione intende condividere progetti di valorizzazione del territorio, Mantovani si è intrattenuto a lungo con i componenti del Consiglio del Savi di Porta Santa Susanna.
Presenti anche il costumista gualdese Daniele Gelsi, anche in rappresentanza della Magnifica Porta di San Facondino, a suggello di un gemellaggio ed una collaborazione che proseguono da oltre un anno, ed il responsabile del gruppo di studio dei costumi storici del Rione Luca Petrucci.
Si è parlato a braccio di tantissimi argomenti: dal corteo ai giochi, dalla taverna al programma della festa che, quest’anno, andrà in scena per tre giorni dal 9 all’11 di giugno.
“L’obiettivo comune dei Rioni – ha detto Mantovani – deve essere di fare festa tutti insieme. Quest’anno dobbiamo puntare ad arricchire ulteriormente il corteo storico coinvolgendo sempre di più i territori, con l’idea che ogni edizione deve compiere un passo in avanti, magari anche piccolo ma sostanziale. Insomma Perugia 1416 deve diventare una festa popolare dei perugini per Perugia, ma aperta alla presenza dei tanti turisti ed appassionati che saranno certamente attratti dalle meraviglie che questa città può offrire”.
Il Rione di Porta Santa Susanna, tramite il Consiglio dei Savi, ha formulato al regista poche e semplici richieste: una collaborazione ed una interlocuzione costante per condividere, per quanto possibile, le scelte utili per migliorare una manifestazione neonata e destinata a crescere anno per anno grazie al coinvolgimento di tutte le anime della città e del dominio storico del Capoluogo. In questo contesto resta fondamentale il ruolo assunto da tutti i territori che compongono il Rione: certamente il centro storico, ma anche Madonna Alta, Ferro di Cavallo e San Sisto, senza dimenticare le straordinarie terre del lago Trasimeno, con le cui associazioni e proloco esiste un rapporto molto stretto.
“Siamo rimasti molto colpiti dalla disponibilità, cortesia e competenza dimostrate da Rodolfo Mantovani – dicono da Santa Susanna – Il nostro obiettivo è di poter collaborare per la buona riuscita dell’edizione 2017 nell’interesse della città. Il Rione è e sarà sempre aperto ad ogni contributo e garantirà costantemente il proprio supporto per ogni iniziativa che si renderà necessaria da qui al 9 giugno. Siamo detentori del titolo 2016 e sappiamo che questa rappresenta una grande responsabilità. Cercheremo di confermarci ancora, anche se non sarà facile perché ogni Rione sta lavorando tantissimo. Di sicuro le cinque porte hanno un obiettivo comune: rendere grande Perugia”.
Al termine della riunione molto apprezzato il dono da parte del regista al Rione di un calice con il simbolo (la catena) di Porta Santa Susanna.
Dietro l’angolo c’è già il prossimo evento: giovedì 23 marzo cena medievale del Rione al ristorante “Il Cantinone”.
Tutte le informazioni utili sulla pagina facebook del Magnifico Rione di Porta Santa Susanna e sul sito ufficiale: www.rioneportasantasusanna.it