Porta Santa SusannaLo stemma è una catena nera in campo azzurro. La figura non è di facile interpretazione: è stata riferita alle catene che pendono sopra il gran portale della Sala dei Notari al di sotto del Grifo e del Leone, ma l’argomento non è probante, perché le catene sono un trofeo di guerra che interessa l’intera città e non un solo rione. Altrettanto infondata è l’idea che la catena ricordi l’antico stemma dell’orso, perché è lo strumento per tenere a freno tanti altri animali.

Lo sfondo azzurro invece è di chiara spiegazione: il rione si estende verso Ovest e anticamente comprendeva i territori perugini attorno al Lago Trasimeno. Confina in Piazza Cavallotti e alla Maestà delle Volte con Porta Sant’Angelo e a metà di Via della Cupa con Porta Eburnea. Fra i monumenti maggiori il gran numero di Chiese lungo Via dei Priori fino a San Francesco al Prato, la Torre degli Sciri o degli Scalzi, lo splendido Oratorio di San Bernardino, il Sodalizio Braccio Fortebracci, la Porta Trasimena, Palazzo Marini Clarelli, già dei potenti degli Oddi, San Benedetto Vecchio alla Canapina.

Rassegna fotografica