Magnifico Rione di Porta Sole

Il Rione più elevato, inondato di sole e luce, si estendeva fino alle frazioni del Tevere, ricche di macine e mulini ad acqua

LO STEMMA

Lo stemma è costituito da un sole d’oro raggiante, dai lineamenti umani, in campo bianco. Il fondo bianco richiama la farina proveniente dalle macine dei mulini a ruota, che erano alimentati dalle acque del fiume: il Rione di Porta Sole infatti si estende a Nord-Est, verso l’area del Tevere, sulle cui rive si affacciavano Borghi – oggi Frazioni – caratterizzati da mulini ad acqua.

LA STORIA

Confina a metà di Piazza Matteotti con il Rione di Porta San Pietro, all’inizio di Via Bartolo e a metà di Via del Melo con Porta Sant’Angelo, con il quale era strettamente collegato, in quanto nella gara della “Sassajola” i due rioni di Porta Sole e Porta Sant’Angelo, chiamati “parte di sopra”, combattevano contro porta Santa Susanna, Porta Eburnea e Porta San Pietro, chiamati “parte di sotto”. Un gran numero di palazzi nobiliari, di cui uno ospita la Biblioteca Comunale Augusta, la chiesa di San Severo con l’affresco di Raffaello, la porta etrusca del Giglio, il Borgo Sant’Antonio, la Chiesa e il Convento di Monteluce, il Pozzo Sorbello o Pozzo Etrusco. Dal punto più alto di Porta Sole e di tutta Perugia, il belvedere che si congiunge con la scalinata di Via delle Prome, si gode di uno dei panorami più belli e suggestivi.

LINK

Facebook
Instagram