Benedizione del cardinale Bassetti per “Perugia 1416”

Il prossimo 28 gennaio I Rioni parteciperanno alla Luminaria di San Costanzo utilizzando gli stessi costumi realizzati per il grande evento dell’11-12 giugno.

COMUNICATO STAMPA

Perugia 8 giugno 2016 – Una benedizione speciale è arrivata a tutti coloro che parteciperanno al grande evento di “ “Perugia 1416”, l’ha inviata agli organizzatori il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti, il quale auspica “che questa imminente rievocazione della Perugia quattrocentesca, attraverso la quale viene fatta memoria di antiche gesta della città, possa favorire la concordia, l’armonia e la pace di tutti i nostri cittadini. È soltanto di questo che Perugia ha bisogno».

Il porporato plaude all’iniziativa apprezzandone «il suo spirito aggregativo e sociale e l’opera di quanti volontariamente si stanno impegnando per la sua riuscita».

Chi conosce bene la città, ha sottolineato come due anni fa proprio il cardinale Bassetti sia stato in un certo modo anche l’artefice, assieme alla nuova giunta comunale, della rinascita della Luminaria (detta anche “processione dei lumi “) di San Costanzo. Un’antichissima processione nella quale si uniscono autorità civili e religiose per ricordare il Santo Patrono, istituita dai Priori del Comune di Perugia l’11 dicembre 1310 e dimenticata per anni.

La Luminaria delle ultime due edizioni ha invece visto la partecipazione di un lungo corteo di figuranti, ma presi in prestito da altre realtà come Assisi e Città della Pieve. Il prossimo 28 gennaio, invece, i protagonisti saranno gli stessi Rioni che daranno vita a “Perugia1416”, usando gli stessi costumi preparati in questi ultimi mesi.

Un fil rouge, tra San Costanzo e Braccio, che potrebbe diventare l’ennesimo ponte sul futuro per far riscoprire ai giovani la nostra storia cittadina.


Ufficio stampa e comunicazione
Maria Mazzoli